LA COLLEZIONE
Il piacere
di andar per quadri

Quando Enrico Piceni fu colto dalla “tarantola” del collezionismo, lavorava ancora come capo ufficio stampa alla casa editrice Mondadori. Spesso e volentieri andava per mostre, o alle vendite all’asta, sulle tracce dei pittori prediletti, primi fra tutti i trois parisiens d’Italie: Giovanni Boldini, Giuseppe De Nittis e Federico Zandomeneghi. Ma nella sua raccolta, che rispecchia l'intuito e il gusto del grande imprenditore, figurano anche opere di autori quali Serafino Macchiati, Giovanni Puricelli, Raffaello Sorbi.

Presentiamo di seguito una selezione di opere provenienti dalla collezione Piceni e oggi gestite dalla fondazione.

GIOVANNI BOLDINI
Ritratto di Giuseppe Verdi
Ferrara 1842 - Parigi 1931
1886 - disegno a matita piombina - cm. 26x20
GIUSEPPE DE NITTIS
Al Bois
Barletta 1846 - Saint-Gremain-en-Laye 1884
1873 - olio su tela - cm. 26x30 - firmato in basso a destra e datato '73
GIUSEPPE DE NITTIS
Signora sul canapè
acquaforte - cm. 29 x 37,5
FEDERICO ZANDOMENIEGHI
Le Moulin de la Galette
Venezia 1941 - Parigi 1917
1878 - olio su tela - cm. 80x120 - firmato in basso a destra
FEDERICO ZANDOMENIEGHI
Le repos: jeune fille aux fleurs
Venezia 1941 - Parigi 1917
1890 ca. - olio su tela - cm. 32x41 - firmato in basso a sinistra
SERAFINO MACCHIATI
Dopo il galà
Camerino 1861 - Parigi 1916
1900-1905 -  olio su tela applicato su cartone - cm 28x37 - firmato in basso a sinistra
GIUSEPPE PURICELLI
Ai giardini pubblici
Gallarate 1825- Casirate d’Adda 1894
olio su cartone - cm 45x65 - firmato in basso a sinistra
RAFAELLO SORBI
Che freddo!
Firenze 1884 - 1931
1930 - olio su tavola -  cm. 14x14 dedica in basso a sinistra: "All’amico Enrico Piceni l’autore Raf. Sorbi 1930"
1930 - olio su tavola -  cm. 14x14 dedica in basso a sinistra: "All’amico Enrico Piceni l’autore Raf. Sorbi 1930"