<

Blog: tra memoria e attualità

All’Università i cimeli del Bagutta

Lieto fine per la preziosa raccolta della mitica trattoria Bagutta, che rischiava di andare dispersa dopo il fallimento del locale nel 2016. È il terzo “post” che dedichiamo alla vicenda (dopo quelli del 22 novembre 2016 e del 22 giugno 2017), e siamo ora felici di annunciare che il “tesoro” un tempo custodito in Bagutta abbia trovato una nuova casa permanente, vale a dire presso l’Università Bocconi, nella sede di via Roentgen 1, dov’è visibile a chiunque ne faccia richiesta, scrivendo all’indirizzo di posta elettronica eventi@unibocconi.it, o telefonando allo 02.5836.3023. In tutto sono 450 i pezzi in mostra, una mostra unica nel suo genere allestita da Daniela Volpi, che ha saputo ricreare l’atmosfera irripetibile di un piccolo universo e di un mondo scomparso, tra dipinti, libri, documenti. La collezione, che era stata venduta all’incanto e salvata dalla famiglia di Gianfelice Rocca, comprende, tra l’altro, alcune tra le più belle vignette di Giuseppe Novello e i menù di Mario Vellani Marchi, con le caricature dei personaggi più significativi che frequentavano il locale, una combriccola di pittori, illustratori, pittori, giornalisti, uniti dalla passione per il buon cibo e il bello scrivere e disegnare. Tra gli altri, Paolo Monelli, Riccardo Bacchelli, Fofo Franchi, Silvio Negro, Enrico Piceni e Orio Vergani, che su un’insegna di legno ha lasciato scritto, a proposito di quelle riunioni irridenti e conviviali dove nacque, tra l’altro, nel 1926, il primo premio letterario italiano, il premio Bagutta, appunto: “Ci si riunisce alla milanese, si mangia alla toscana, si paga alla romana. Perfetta trinità della raggiunta unità d’Italia”.

Related Posts

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Cliccando su Accetto acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi