<

Blog: tra memoria e attualità

L’altra faccia dei quadri

Se è vero che i quadri hanno un’anima, è anche indubbio che di quest’anima fa parte, tra le altre cose, il loro percorso nel tempo con relative vicende: passaggi di proprietà, esposizioni, attribuzioni,  datazioni, restauri, spostamenti. Spesso, a raccontarcene la vita e le peripezie è il lato segreto dell’opera, quello che il più delle volte nessuno vede. Il retro delle tele, o delle tavole,  così come telai e cornici, possono rivelarci particolari importanti, utilissimi anche ai fini dell’identificazione e autenticazione. Cartigli, scritte, stralci di articoli di giornale, dediche, numeri di inventario, prezzi, bozzetti e quant’altro ci dicono tra che mani è passato il dipinto, chi lo ha incorniciato, chi e dove lo ha imballato, quale gallerista o museo lo hanno messo in mostra.  Proprio “all’altra faccia” dei quadri, quella normalmente riservata ad esperti e addetti ai lavori, è dedicata l’esposizione Abscondita. Segreti svelati delle opere d’arte curata da Chiara Casarin nel Museo Civico di Bassano del Grappa e aperta fino al 3 settembre. Un’ottantina i pezzi in mostra, dal tardo Medioevo al Novecento, tra ritratti, paesaggi, nature morte, scene sacre e profane, provenienti dalle collezioni permanenti del Museo, tutti esposti rigorosamente “fronte al muro” per consentire ai visitatori di osservare quanto di solito viene loro celato e farsi così un’idea di quale miniera preziosa di informazioni possa rappresentare il volto nascosto di  un’opera d’arte.

Related Posts

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Cliccando su Accetto acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi