<

Blog: tra memoria e attualità

Cent’anni dopo

Federico Zandomeneghi, Square d'Anvers

Era il 31 dicembre 1917 quando Federico Zandomeneghi, emigrato da Venezia a Parigi oltre quarant’anni prima, fu trovato morto ai piedi del suo letto. Ai funerali, il 2 gennaio 1918, lo accompagnarono  sotto la neve al cimitero di Saint-Ouen per l’ultimo saluto  giusto alcuni amici di casa, qualche modella. Così, solo e dimenticato, se ne andò  il Vecchio Maestro, che allora nessuno considerava come tale. Ci sarebbero voluti decenni per portarlo alla ribalta, e ciò  anche grazie all’opera di rivalutazione critica svolta da Enrico Piceni, autore delle prime monografie e del primo catalogo ragionato della produzione del Vénitien. Oggi Zandomeneghi è un pittore riconosciuto, anche se forse non del tutto adeguatamente valorizzato. Una nuova occasione per  riscoprirlo ci viene offerta dalla mostra L’Impressionismo di Zandomeneghi allestita  dalla Fondazione Bano a Palazzo Zabarella, Padova (1 ottobre 2016-29 gennaio 2017). L’esposizione, curata da Francesca Dini e Fernando Mazzocca, propone un centinaio di opere (nell’immagine, Square d’Anvers, 1880) che ripercorrono l’intera vicenda artistica di Zandò, dagli anni giovanili della formazione tra la natia Venezia e la Firenze dei Macchiaioli – anni determinanti per tutta la produzione successiva – al lungo periodo parigino, durante il quale l’artista si confrontò con i protagonisti della Nouvelle peinture, assimilando in maniera del tutto personale le innovazioni introdotte dagli Impressionisti.

Related Posts

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Cliccando su Accetto acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi